BALENCIAGA

Cristóbal Balenciaga - chiamato "Il maestro di tutti noi" da Christian Dior in persona, mentre Coco Chanel lo definiva "Un couturier nel vero senso della parola ... Gli altri sono semplicemente stilisti" - nacque nel nord della Spagna nel 1895; era un couturier e a soli 22 anni aprì il suo primo atelier di alta moda.

Si trasferì a Parigi nel 1937: le prime creazioni erano semplici, efficaci e piene di colori vivaci. Cristóbal giocava moltissimo con la silhouette femminile: dando vita a cascate di volant e volumi massicci. Eccessivo sì, ma mai troppo.

Ricordiamo che gli abiti neri da cocktail firmati Balenciaga erano - e rimangono - un grande classico. Aveva clienti come l'editore di Vogue US Carmel Snow e le attrici Greta Garbo e Audrey Hepburn.

Dopo il ritiro di Cristóbal Balenciaga nel 1968, e dopo la sua morte del 1972, gli eredi di Balenciaga vendettero la casa al gruppo tedesco Hoechste, che iniziò col prêt-à-porter.

Il brand Balenciaga oggi

Oggi, dopo stilisti come Nicolas Ghesquière - prima assistente di Jean Paul Gaultier e ora direttore creativo di Louis Vuitton - e Alexander Wang, il capo designer di Vetements Demna Gvasalia è stato nominato creative director di Balenciaga.

Non è un segreto che Demna, inventore della Haute-street couture, abbia molte cose in comune con il grande Cristóbal.